The killing of a sacred deer (2017)

Categoria:  Recensione

7 Dicembre 2019

di Yorgos Lanthimos

con Colin Farrell, Nicole Kidman, Barry Keoghan

L’accoppiata Lanthimos – Farrell aveva già lasciato un segno con Lobster, e torna qui a colpire lo spettatore con tutto il suo potere di evocazione, simbolismo e humor nero. Ritroviamo i dialoghi monotoni, non nei contenuti ma proprio nel tono. Ritroviamo l’ipocrisia, il tentativo costante di sfuggire alle proprie responsabilità, ma qui si tratta di un individuo e non di un gruppo, non della società. Si tratta di un chirurgo, precisamente di un cardiochirurgo, e del distacco abissale tra le sue debolezze, le sue colpe, e l’immagine semidivina di se stesso che coltiva e dentro cui pretende di vivere. Un’immagine che viene demolita pezzo per pezzo da un elemento esterno al mondo trionfante, scintillante di logica e scienza dentro e dietro cui nasconde le proprie fallacie. Un elemento che vive e impone regole differenti, regole antiche e non negoziabili, un’idea di giustizia profonda e spietata. E in un crescente senso di incubo lo spettatore accompagna il chirurgo-dio, improvvisamente essere umano e vulnerabile, disarmato davanti al profetico dilemma, all’occhio per occhio, al necessario sacrificio riparatore, destinato ad affrontare il lutto incombente e sperimentarne nel cuore le fasi: negazione, rabbia, negoziazione, depressione, accettazione. Un film esasperante, spietato e nerissimo. Guardarlo è una sofferenza, ma ne vale la pena.

Biblico

Stefano Re
condividi sui social
Tag:   • | |

Vai al Blog  Vai


1 Aprile 2020

Obbligo di stare a casa, modifica forzata alle abitudini, confusione delle cifre di contagi e decessi, costante terrorismo mediatico, limitazione alle attività fisiche. Stanno mettendo intere popolazioni nelle identiche condizioni di un prigioniero in attesa dell’interrogatorio.

28 Marzo 2020
Dopo quasi cent’anni di democrazia, finalmente ci siamo accorti che alla maggioranza delle persone non importa affatto essere libera. Anzi, quel che desiderano è esattamente il contrario. Desiderano che qualcuno gli dica che cosa fare e come f...
25 Marzo 2020

Il mercato decide di cosa devi aver paura, cosa devi odiare, cosa devi amare, cosa devi desiderare. Nessuna dittatura ha mai avuto un tale potere. Oggi, il mercato decide tutto di te, quindi, decide chi sei.


» Tutti i post del blog