Chi ti credi di essere?

Categoria:  Articolo

8 Dicembre 2019

Avrete letto la frase: “non sei ciò che dici, sei ciò che fai”. Ed è molto efficace: le parole sono dopotutto solo rappresentazioni di volontà, le azioni ne sono attuazione. Insomma, a parole si può desiderare, promettere, giurare di essere qualcosa, qualcuno, ma sono i fatti a definire quel che siamo. Eppure, a mio parere nemmeno i fatti dicono davvero chi sei. Quel che dice chi sei, in modo molto più sottile, è *la decisione* di ciò che dici, di ciò che fai – la decisione di ciò che sei. Quel livello di cui quasi nessuno sa assolutamente niente.

E non sto parlando di teorie filosofiche, capiamoci, sto parlando di momenti concreti, sto parlando di scelte e di responsabilità, sto parlando della vostra identità. Vediamolo con un esempio semplice: puoi dire “sparecchio io la tavola”. Oppure puoi alzarti e sparecchiare la tavola. Certamente, se lo dici e non lo fai, si rileva una incoerenza, e fin qui ci siamo. Ma anche quando lo fai, la domanda è: chi ha preso questa decisione? E in che modo è stata presa? Nella maggioranza dei casi, non abbiamo idea del perché diciamo quel che diciamo e nemmeno del perché facciamo quel che facciamo. Ad esempio, molti risponderebbero: “sparecchio per aiutare nel lavoro di casa”, oppure “sparecchio per fare posto sul tavolo”, oppure “sparecchio per rimettere ordine”, ma di fatto queste sono tutte motivazioni funzionali accessorie, non essenziali. E in questo il più delle volte sono fondamentalmente degli alibi. In termini più semplici: qualsiasi azione, anche sparecchiare, racconta qualcosa di te stesso a te stesso, prima ancora che agli altri. Tu sparecchi perché l’atto di sparecchiare ti definisce. Sparecchi perché vuoi essere “colui che in quel contesto e momento sparecchia”. Il dramma è che non lo sai affatto. Per cui magari dici “sparecchio io la tavola”, e non sai perché lo hai detto, visto che non ne hai voglia o sei stanco o ti fa male una gamba. E poi lo fai, o non lo fai, convinto di stare svolgendo una azione funzionale a un processo (sistemare la cucina), o persino raccontandoti di stare aiutando altri a risolvere loro problemi, di nuovo senza mai sapere che cosa stai davvero facendo né perché.

Quel che puoi davvero fare è osservare, capire e gestire *la decisione* di sparecchiare la tavola. Ed ecco che arriva l’artiglieria: tutto ciò che fai, ogni singolo gesto, parola, pensiero o azione, serve a te, per definire te stesso agli occhi tuoi – e altrui. Serve ad assomigliare all’idea che hai adottato di chi vuoi essere. E qui si pone il problema: chi ha deciso *chi* vuoi essere? Che modelli mentali costruiscono l’idea che vivi di te stesso? Insomma, da chi è stato deciso, e come è stato deciso, all’inseguimento di quale idea di te stesso tu debba passare tutta la vita declinando le tue decisioni? Lo ha deciso un regista? I tuoi genitori? Tuo fratello maggiore? Un libro? Dei fumetti? Una serie TV? La pubblicità? Una religione? Una cultura? Una ideologia? E ancora, come è stato deciso? Quando è stato deciso?

Non saperlo, non esserne coscienti, significa passare la vita a dire e fare cose senza nemmeno sapere perché. Passare la vita a cercare di diventare una idea di persona che nemmeno sai di avere adottato, come, o quando sia successo. Significa passare la vita ubbidendo a parametri, regole e leggi di cui nemmeno sospetti l’esistenza.

Pensi che siano tutte seghe mentali, vero?

Bravo, ora infilati addosso abiti che non sai perché hai scelto e corri a sgomitare per ottenere un lavoro che poi farai senza sapere perché lo stai facendo; corri ad aprire un mutuo e ottenere soldi che nemmeno esistono per poi metterti in fila a comperare un televisore grosso come una parete che trasmette programmi di cui non capisci quasi niente, oppure un orologio senza lancette che non segna nessuna ora, o l’ultimo modello di smartphone a 5g con cui potrai scambiarti alla velocità della luce opinioni che non hai pensato tu, storie di gente che non conosci, foto di cibo che non sai perché mangi e di luoghi che non sai perché visiti.

E ricordati di sparecchiare la tavola.

Pubblicato su » DolceVitaMagazine

Stefano Re
condividi sui social

Vai al Blog  Vai


24 Agosto 2020

Perché anche di fronte ad evidenze innegabili, molte persone rifiutano di accettare che una autorità gli abbia mentito? Perché nemmeno davanti alle evidenze più chiare si rifiuta credere che una spiegazione ufficiale sia semplicemente una montagna di bugie?

Il medioevo ci ha raggiunti di nuovo, sostituendo il saio con un camice da laboratorio, la gogna fisica con quella mediatica, la bibbia con i “dati ufficiali”, le chiese con i media.

25 Luglio 2020

Come ci spiega le cose il signor PierLangela, nessuno proprio. Eccovi in esclusione l’intervista al noto svariogolo, il dottor Burletta, che come sempre ciancerà a vanvera SuiVaccini.


» Tutti i post del blog