Er ist wieder da

Er ist wieder da (2015)

Categoria:  Recensione

10 Dicembre 2019

di David Wnendt

con Oliver Masucci, Franziska Wulf, Christoph Maria Herbst, Katja Riemann

Hitler è tornato, e dopo il disorientamento iniziale scopre che ai nostri giorni gli strumenti tecnologici sono estremamente più efficaci nel veicolare messaggi, mentre le paure, speranze e aspettative del popolo sono le stesse su cui ha fatto leva con successo negli anni ’20 per affermare il nazismo. Una bella metafora, che non tiene presente un elemento: tornasse oggi, non avrebbe speranza alcuna di competere. Il suo lavoro lo fanno con smisurate professionalità e mezzi intere squadre di esperti in marketing, psicologia sociale, filosofia e metacomunicazione al soldo delle multinazionali, restando anche del tutto invisibili. In questo i dittatori del secolo scorso appaiono ingenuamente teneri: loro si arrogavano enormi poteri, ma anche le relative, enormi responsabilità. Oggi si manipola costantemente il pubblico allo stesso identico modo, ma col cazzo che qualcuno vuole uno straccio di responsabilità.

Ingenuo

Stefano Re
condividi sui social
Tag:   •

Vai al Blog  Vai


26 Maggio 2020

Lo abbiamo visto nel 1939 e lo vediamo oggi: quando la scienza diventa scientismo, un fanatismo dogmatico fondato sul terrore, gli esiti sono catastrofici: scompaiono diritti, dignità e umanità. Il “bene di tutti” diventa il bene di nessuno.

11 Maggio 2020

Come davvero cambiamo idea, nonostante tutte le balle che ci raccontiamo per illuderci di non stare ubbidendo, senza saperlo, fondamentalmente, a noi stessi. Con qualche aiutino.

8 Maggio 2020
Un cittadino esprime il suo dissenso, in modo non violento, coerente, senza creare danni a nulla e nessuno. Viene arrestato, sedato, rinchiuso in un ospedale psichiatrico e legato al letto quando cerca di liberarsi del catetere che gli infilano nell...

» Tutti i post del blog