Detachment (2011)

Categoria:  Recensione

24 Maggio 2018

di Tony Kaye

con Adrien Brody, Sami Gayle, Marcia Gay Harden, James Caan, Lucy Liu, Bryan Cranston

La scuola come prima linea, dentro e fuori. Certo, c’è il bullismo, gli abusi emotivi e fisici, le minacce ma soprattutto la solitudine, il deserto emotivo, il vacuum esistenziale di una cultura sempre più sterile. Un esercito di professori che si ritira passo dopo passo lasciando il vuoto. La vittoria delle regole del capitalismo più disperato, in cui tutto si vende o si compera, inclusi sesso e amore, carnale o paterno che sia, perché coltivare ed amare costa troppo. Persino tentarci, costa carissimo. Trivia: Cranston, che fa una parte minore, ha litigato furiosamente con il regista. Lucy Liu invece, finalmente, non è costretta ad essere un’assassina orientale.

Resiliente

Stefano Re
condividi sui social
Tag:   • | |

Vai al Blog  Vai


1 Aprile 2020

Obbligo di stare a casa, modifica forzata alle abitudini, confusione delle cifre di contagi e decessi, costante terrorismo mediatico, limitazione alle attività fisiche. Stanno mettendo intere popolazioni nelle identiche condizioni di un prigioniero in attesa dell’interrogatorio.

28 Marzo 2020
Dopo quasi cent’anni di democrazia, finalmente ci siamo accorti che alla maggioranza delle persone non importa affatto essere libera. Anzi, quel che desiderano è esattamente il contrario. Desiderano che qualcuno gli dica che cosa fare e come f...
25 Marzo 2020

Il mercato decide di cosa devi aver paura, cosa devi odiare, cosa devi amare, cosa devi desiderare. Nessuna dittatura ha mai avuto un tale potere. Oggi, il mercato decide tutto di te, quindi, decide chi sei.


» Tutti i post del blog