il_vostro_mondo

il Vostro mondo

Categoria:  Articolo

21 Febbraio 2020

Non state mai giudicando davvero gli altri, state sempre giudicando voi stessi. Quel che vediamo fuori di noi lo stiamo comunque vedendo noi, attraverso non solo i nostri occhi ma soprattutto la nostra mente, i nostri filtri percettivi, le nostre priorità, i significati che scegliamo di attribuirvi. Quindi, ciò che vediamo fuori di noi non ha granché a che fare con qualcosa di esterno a noi stessi, quanto con ciò che siamo, ciò che vogliamo essere, ciò che finiamo col diventare.

Allo specchio

Chi vede minacce, descrive se stesso come previdente – o magari paranoico. Chi vede opportunità, descrive se stesso come furbo – o magari approfittatore. Chi vede pericoli, descrive se stesso come prudente, oppure fifone. Vale per qualsiasi mondo voi stiate osservando, e – davvero – piantatela con la lagna del “ma è il mondo lì fuori che è davvero così”. Il mondo è solo quel che vedete voi, due persone guardano lo stesso identico disegno, uno ci vede un grosso gelato e l’altro un fungo atomico.

Ecco dunque che, oltre a giudicare (decidere) il vostro universo, potreste voler fare un salto di qualità e provare ad giudicare voi stessi attraverso proprio ciò che vedete attorno a voi.

Conoscere le regole

Perché, sapete, è solo quando cominciate a osservare le regole percettive cui state ubbidendo che potete cominciare a farle vostre, esserne padroni e, se ritenete, persino cambiarle. Cambiare voi stessi, cambiare il mondo in cui vivete. Invece, finché ubbidite a regole che non conoscete siete solo degli schiavi, senza nemmeno saperlo. Che è precisamente come vive la sua intera esistenza quasi ogni essere umano: vede un mondo che non sa di disegnare tale, non conoscendo le regole e i meccanismi tramite cui lo disegna. Interagisce con esso secondo regole che conosce ancora meno, convinto di stare decidendo di volta in volta qualcosa mentre sta solo ubbidendo. Lotta, vive e infine muore nella più totale ignoranza, senza aver nemmeno mai capito di non aver proprio vissuto un solo minuto.


Stefano Re
condividi sui social

Libri di Stefano Re:

» Isole  |  Libro  | 07/05/15

Ho vissuto ogni genere di minuto. Minuti che corrono, minuti infiniti: me li sono lasciati dietro. Ho perso il senso del tempo, o forse lui ha perso me. Non so che ore siano, che giorno sia. So che è notte perché fuori dai vetri la nebbia è illuminata dai lampioni, tutto qui. Mi basta. Non mi ser...

» Identità Zero  |  Libro  | 06/05/15

Mindfucking3, Identità Zero è un saggio di Stefano Re. Per chi ha già analizzato nel libro Mindfucking, come fottere la mente, le tecniche più efficaci e le dinamiche più comuni con cui si creano, modificano e gestiscono la percezione di Realtà e Identità, è venuto il momento di passare oltr...

» Mindfucking  |  Libro  | 06/05/15

Mindfucking è un saggio di Stefano Re. Negli ambienti di lavoro o nei sentimenti, in famiglia o tra amici, al bar come a scuola, c'è sempre chi sta agendo per manipolare la nostra mente. Esistono vere e proprie strategie studiate per ottenere questi risultati, strategie applicate dai più vari sog...

FemDom, preludio all'estinzione del maschio è un saggio di Stefano Re. Una spietata, arrogante e dichiaratamente semplicistica ma tuttavia originale rilettura della storia del genere umano in tutte le sue sfaccettature travestita da saggio di psicologia / biologia / sessualità (che sessuologia fa ...


Vai al Blog  Vai


16 Settembre 2021

Lettera aperta ai colleghi delle Forze dell’Ordine e delle Forze Armate. Lo Stato di Diritto è sotto attacco. È tempo di decidere se reagire o subire la trasformazione: da liberi cittadini a schiavi di un sistema neofeudale.

6 Settembre 2021

Liberarsi dai vincoli della paura, rivendicare propria autonomia decisionale, prendere coscientemente possesso della propria identità: i passi necessari per opporsi al ricatto imposto dal pensiero alveare.

4 Settembre 2021

il governo lavora per rendere la vita un inferno ad un quarto della popolazione. Milioni di cittadini discriminati, perseguitati e stabilmente privati dei loro diritti politici e civili. Come ebrei sotto il nazismo.


» Tutti i post del blog