votare non basta

Votare non basta

Categoria:  Articolo

22 Settembre 2022

Mi è stato chiesto da amici e compagni di lotta di sensibilizzare chi mi segue sull’importanza di questo appuntamento elettorale. Ho risposto che avrei ripetuto quella che è la mia posizione a riguardo, e così faccio.

A mio vedere:

a) il superamento di questa deriva autoritaria non è raggiungibile tramite una elezione politica

b) le istituzioni sono profondamente infiltrate e controllate da soggetti legati a doppio filo a potentati totalmente esterni all’agone politico e al voto

c) il sistema sociale nel suo complesso è irrimediabilmente patogenico, cioè produce attivamente patologia. A livello mentale, emotivo, affettivo, sanitario quanto ambientale.

Ciò detto, questo voto può avere importanza solo per una funzione ben specifica, e cioè mantenere in queste istituzioni almeno una presenza di protesta e difesa, che non ritengo possa effettivamente migliorare la situazione, ma potrebbe limitare la deriva o almeno denunciare attivamente ogni ulteriore degenerazione del tessuto democratico.

Dunque, in sostanza, a mio vedere ha senso votare ben consapevoli che non si può “salvare” questa non più democrazia né rimettere insieme un paese che ha dimostrato nel comportamento dei propri abitanti la più massiccia sottomissione ai diktat del peggiore autoritarismo discriminatorio. Le frange di “resistenza politica” hanno a mio vedere solo il senso di “impegnare il nemico” su un fronte interno e guadagnare tempo per procedere nell’unico percorso sensato che vedo davanti a noi, la creazione di una società totalmente sganciata dalle meccaniche che ci hanno resi prigionieri, nel totale rifiuto delle sue forme e istituzioni. A partire dalla moneta debito che formalizza la nostra schiavitù fisica e mentale; da un servizio sanitario progettato per aggiustare i pezzi di una macchina e non prendersi cura degli esseri umani, che il concetto di “servizio” l’ha scordato e di “sanitario” ha ormai solo la forma di un cesso; da una scuola che forma alla più becera obbedienza e sottomissione; da un meccanismo professionale che ricompensa i predatori e punisce la generosità e la condivisione; da un apparato mediatico che vieta la libertà di opinione e punta il riflettore solo sui peggiori servi del sistema stesso; fino ad un apparato militare e di polizia che dimentica ogni giuramento e principio per farsi mercenario dei peggiori criminali.

Riassumendo: votare sì, votare partiti e movimenti antisistema sì, ma ben consapevoli che non basta: è solo un argine e nemmeno troppo solido. La lotta è dentro le nostre menti, nelle nostre anime, sul nostro territorio, e se non comprendiamo la sua reale portata, o se ci abbandoniamo al miraggio che qualche parlamentare possa difendere il nostro futuro, abbiamo già perso.

Stefano Re
condividi sui social
Tag:   •

Libri di Stefano Re:

» Isole  |  Libro  | 07/05/15

Ho vissuto ogni genere di minuto. Minuti che corrono, minuti infiniti: me li sono lasciati dietro. Ho perso il senso del tempo, o forse lui ha perso me. Non so che ore siano, che giorno sia. So che è notte perché fuori dai vetri la nebbia è illuminata dai lampioni, tutto qui. Mi basta. Non mi ser...

» Identità Zero  |  Libro  | 06/05/15

Mindfucking3, Identità Zero è un saggio di Stefano Re. Per chi ha già analizzato nel libro Mindfucking, come fottere la mente, le tecniche più efficaci e le dinamiche più comuni con cui si creano, modificano e gestiscono la percezione di Realtà e Identità, è venuto il momento di passare oltr...

» Mindfucking  |  Libro  | 06/05/15

Mindfucking è un saggio di Stefano Re. Negli ambienti di lavoro o nei sentimenti, in famiglia o tra amici, al bar come a scuola, c'è sempre chi sta agendo per manipolare la nostra mente. Esistono vere e proprie strategie studiate per ottenere questi risultati, strategie applicate dai più vari sog...

FemDom, preludio all'estinzione del maschio è un saggio di Stefano Re. Una spietata, arrogante e dichiaratamente semplicistica ma tuttavia originale rilettura della storia del genere umano in tutte le sue sfaccettature travestita da saggio di psicologia / biologia / sessualità (che sessuologia fa ...


Vai al Blog  Vai


22 Settembre 2022

Il mio parere sul voto: può fornire un argine alla deriva autoritaria in atto, ma non può invertirla né salvarci. La vera lotta si combatte abbandonando un sistema malato: nelle nostre menti, nelle nostre anime, sul nostro territorio.

I rincari delle bollette puniscono chi non aveva accettato il mercato libero, ma portano a fallire le imprese minori che lo hanno gestito. Risultato? Meno tutele per l’utenza, pochi grandi attori a dominare e un passo verso il GreatReset

Mediatore percettivo ormai obbligatorio, lo smartphone sfruttando comodità, semplificazione, immediatezza e costante presenza, si presenta come servo ma diventa un padrone tiranno ed assillante.


» Tutti i post del blog