il mondo se ne fotte

Il pianeta se ne fotte

Categoria:  Articolo

26 Aprile 2019

Riprova della allucinante deriva percettiva in cui viviamo immersi è il ricorrente allarme: “salviamo il pianeta” – che non potrebbe essere più ridicolo.

Il pianeta di noi se ne fotte proprio. Esisteva miliardi di anni prima che arrivassimo noi ed è passato attraverso estinzioni di massa che nemmeno con tutte le bombe atomiche insieme potremmo provocare.

Non siamo nemici del pianeta, siamo nemici di noi stessi. Quel che minacciamo è l’equilibrio che chiamiamo “ecosistema”, che altro non è che il temporaneo equilibrio che ha permesso alla nostra specie di evolvere e affermarsi e continuare ad esistere. L’habitat che ci permette di respirare, bere, procurarci cibo, riscaldarci o rinfrescarci in modo da vivere vite soddisfacenti. Se acidifichiamo gli oceani, se riempiamo l’aria e la terra di merda chimica, non distruggiamo “il pianeta”, distruggiamo al massimo le specie animali e vegetali nostre coinquiline in questa finestrella che stiamo occupando, e noi stessi. Poi il pianeta andrà per la sua strada ugualmente, sviluppando nuove e diverse forme di vita, come ha sempre fatto in tutta la sua storia, di cui occupiamo una parte ridicolmente breve.

Non possiamo salvare il pianeta, quel che possiamo tentare di salvare è la sopravvivenza o il livello di vita della nostra specie. Ma basta con queste manfrine di protagonismo: il pianeta non c’entra un cazzo: al massimo possiamo tentare di salvare noi stessi.

Stefano Re
condividi sui social
Tag:   • |

Vai al Blog  Vai


Stanzia 10 miliardi di dollari per vaccinare tutto il mondo, organizza simulazioni di pandemie giusto due settimane prima che avvengano e decide per voi come dovete curarvi. Vi presento Bill Gates e vi faccio sentire cosa ha deciso per voi e i vostri figli.

1 Aprile 2020

Obbligo di stare a casa, modifica forzata alle abitudini, confusione delle cifre di contagi e decessi, costante terrorismo mediatico, limitazione alle attività fisiche. Stanno mettendo intere popolazioni nelle identiche condizioni di un prigioniero in attesa dell’interrogatorio.

28 Marzo 2020
Dopo quasi cent’anni di democrazia, finalmente ci siamo accorti che alla maggioranza delle persone non importa affatto essere libera. Anzi, quel che desiderano è esattamente il contrario. Desiderano che qualcuno gli dica che cosa fare e come f...

» Tutti i post del blog