La tua scelta

La tua scelta

Categoria:  Articolo

6 Settembre 2021

Il primo passo per imparare a combattere è ripulirsi da ogni paura.
Smettere di aver paura di fare un brutta figura, di venire insultati, di venire aggrediti, sanzionati, arrestati, imprigionati. Smettere di aver paura di perdere il posto, di perdere i soldi. Smettere di aver paura di perdere gli amici, il partner, la famiglia, i figli. Smettere di aver paura di perdere la vita. Se non ti liberi da tutto questo, prima o dopo cederai, perché useranno tutte queste paure per piegarti, per ricattarti, per costringerti a obbedire.

Solo quando ti sei liberato di queste paure, metti a fuoco per cosa stai combattendo davvero. Stai combattendo perché vuoi essere un atto della tua volontà e non di quella di un sistema che ti ricatta, che pretende la tua sottomissione, che cerca di trasformarti in un atto della sua volontà. L’essenza della libertà è prendere coscienza che nulla, nessuno può costringerti in alcun modo se tu non glielo permetti.

Fuori dal formicaio

Un punto che sfugge facilmente e invece a mio parere è centrale: il motivo per cui è essenziale che questa scelta venga fatta in completa autonomia è proprio che la minaccia, la pressione che ci stanno imponendo, indica precisamente il percorso opposto. Un percorso di annullamento dell’identità, dell’autonomia, della responsabilità individuale in favore di un pensiero collettivo. In favore di un “essere” collettivo in cui tutti obbediscono a venerano un immaginario “bene comune” facendo a gara per *non esistere* come esseri autonomi.

Per questo le espressioni in cui si è sbizzarrita questa deriva sono tutte dirette contro ogni tipo possibile di identità: religiosa, spirituale, culturale, politica, economica, familiare, persino sessuale. Quel che tentano di imporre è una esistenza da formicaio. E per questo il primo e l’unico passo davvero inevitabile per potersi opporre è rivendicare la propria identità, la propria autonomia decisionale, il proprio libero arbitrio esistenziale.

E proprio per questo nessuno può farlo per qualcun altro. Ciascuno deve decidere per se stesso chi è, chi vuole diventare, chi non vuole accettare di diventare.
Dopo questo passaggio si potrà agire uniti, insieme: per costruire, per difendere, per contrastare gli attacchi furibondi del formicaio. Ma prima ciascuno deve liberarsi dai suoi vincoli, dalle sue paure, e deve farlo da solo.

Stefano Re
condividi sui social

Libri di Stefano Re:

» Isole  |  Libro  | 07/05/15

Ho vissuto ogni genere di minuto. Minuti che corrono, minuti infiniti: me li sono lasciati dietro. Ho perso il senso del tempo, o forse lui ha perso me. Non so che ore siano, che giorno sia. So che è notte perché fuori dai vetri la nebbia è illuminata dai lampioni, tutto qui. Mi basta. Non mi ser...

» Identità Zero  |  Libro  | 06/05/15

Mindfucking3, Identità Zero è un saggio di Stefano Re. Per chi ha già analizzato nel libro Mindfucking, come fottere la mente, le tecniche più efficaci e le dinamiche più comuni con cui si creano, modificano e gestiscono la percezione di Realtà e Identità, è venuto il momento di passare oltr...

» Mindfucking  |  Libro  | 06/05/15

Mindfucking è un saggio di Stefano Re. Negli ambienti di lavoro o nei sentimenti, in famiglia o tra amici, al bar come a scuola, c'è sempre chi sta agendo per manipolare la nostra mente. Esistono vere e proprie strategie studiate per ottenere questi risultati, strategie applicate dai più vari sog...

FemDom, preludio all'estinzione del maschio è un saggio di Stefano Re. Una spietata, arrogante e dichiaratamente semplicistica ma tuttavia originale rilettura della storia del genere umano in tutte le sue sfaccettature travestita da saggio di psicologia / biologia / sessualità (che sessuologia fa ...


Vai al Blog  Vai


16 Settembre 2021

Lettera aperta ai colleghi delle Forze dell’Ordine e delle Forze Armate. Lo Stato di Diritto è sotto attacco. È tempo di decidere se reagire o subire la trasformazione: da liberi cittadini a schiavi di un sistema neofeudale.

6 Settembre 2021

Liberarsi dai vincoli della paura, rivendicare propria autonomia decisionale, prendere coscientemente possesso della propria identità: i passi necessari per opporsi al ricatto imposto dal pensiero alveare.

4 Settembre 2021

il governo lavora per rendere la vita un inferno ad un quarto della popolazione. Milioni di cittadini discriminati, perseguitati e stabilmente privati dei loro diritti politici e civili. Come ebrei sotto il nazismo.


» Tutti i post del blog