Diritto di Resistenza

Diritto di Resistenza

Categoria:  Articolo

6 Aprile 2021

La narrazione corrente della situazione, sostenuta tanto dai media quanto dalle autorità politiche, descrive una emergenza sanitaria globale che richiede e legittima misure estreme di sospensione dei diritti, restrizioni e imposizioni che stanno distruggendo la capacità di sussistenza economica di chi imprende, azioni in contrasto con il dettato costituzionale e in violazione di un gran numero di trattati internazionali. Una porzione consistente della popolazione, di cui faccio parte anche io, non condivide queste scelte. Non riconosce validità a queste restrizioni, non accetta queste sospensioni dei diritti, non considera queste decisioni legittime né accettabili.

Né bambini né criminali

La risposta dei media e della politica è stata, fino ad ora, trattare chi dissente alternativamente come un bambino capriccioso o come un pericoloso delinquente. Non siamo né l’una né l’altra cosa: siamo adulti, responsabili e consapevoli. Cittadini che condividono una lettura diversa degli eventi, una diversa idea di come vada gestita la situazione e soprattutto che rivendicano la propria facoltà di difendere l’inviolabilità dei propri diritti naturali. Poiché non è stato lasciato alcun margine per ridiscutere e persino criticare tali misure e modalità, la parte di popolazione che non intende accettarle si trova costretta a disconoscerle e di conseguenza a disconoscere le autorità che tentano di imporle.

Ribellarsi è un diritto

Alle istituzioni dello Stato italiano viene ora dunque posto il problema in modo diretto: dovete prendere atto che esiste una parte consistente della popolazione che non riconosce e non intende rispettare le leggi che state promulgando. Se proseguirete su questa linea, ignorando ogni segnale di dissenso, costringerete questa parte della popolazione a reagire esercitando il proprio diritto di ribellione o diritto di resistenza. La facoltà del popolo sovrano di opporsi all’ingiusto esercizio del potere o al potere illegittimo da parte delle istituzioni.

Un avviso alle istituzioni

L’ultima volta che questo diritto si è manifestato sul territorio italiano è stato con la resistenza partigiana contro il regime fascista. Questo è un avviso a chi oggi occupa ad ogni livello le istituzioni italiane: cessate immediatamente la vostra offensiva contro i diritti dei cittadini o sarete responsabili delle conseguenze.

Stefano Re
condividi sui social
Tag:   • |

Libri di Stefano Re:

» Isole  |  Libro  | 07/05/15

Ho vissuto ogni genere di minuto. Minuti che corrono, minuti infiniti: me li sono lasciati dietro. Ho perso il senso del tempo, o forse lui ha perso me. Non so che ore siano, che giorno sia. So che è notte perché fuori dai vetri la nebbia è illuminata dai lampioni, tutto qui. Mi basta. Non mi ser...

» Identità Zero  |  Libro  | 06/05/15

Mindfucking3, Identità Zero è un saggio di Stefano Re. Per chi ha già analizzato nel libro Mindfucking, come fottere la mente, le tecniche più efficaci e le dinamiche più comuni con cui si creano, modificano e gestiscono la percezione di Realtà e Identità, è venuto il momento di passare oltr...

» Mindfucking  |  Libro  | 06/05/15

Mindfucking è un saggio di Stefano Re. Negli ambienti di lavoro o nei sentimenti, in famiglia o tra amici, al bar come a scuola, c'è sempre chi sta agendo per manipolare la nostra mente. Esistono vere e proprie strategie studiate per ottenere questi risultati, strategie applicate dai più vari sog...

FemDom, preludio all'estinzione del maschio è un saggio di Stefano Re. Una spietata, arrogante e dichiaratamente semplicistica ma tuttavia originale rilettura della storia del genere umano in tutte le sue sfaccettature travestita da saggio di psicologia / biologia / sessualità (che sessuologia fa ...


Vai al Blog  Vai


Tre modi di comunicare: invadendo lo spazio altrui, accettando l’invasione del proprio spazio o tracciando la linea di confine. Imparare a distinguere la comunicazione aggressiva, passiva e assertiva.

13 Aprile 2021

Noi tutti siamo oggi testimoni e protagonisti di un momento evolutivo di massa che molti hanno già definito speciazione. Una significativa porzione della specie umana sta superando la paura di morire.

Sappiamo cosa state facendo e perché lo state facendo, ma non vi aderiamo. Smettete di forzarci e di trattenerci, o saremo costretti a combattere. È nel vostro interesse: tenetevi il gregge e lasciateci andare.


» Tutti i post del blog