immunodepressione

Sul misterioso popolo degli immunodepressi

Categoria:  Articolo

24 Agosto 2018

A proposito del misterioso popolo degli immunodepressi, che è apparso sulla scena da qualche mese e appena non sarà più utile verrà cacciato da chi se ne riempie la bocca ogni minuto nello stesso dimenticatoio in cui lo tenevano fino a quando non è tornato utile per giustificare un obbligo vaccinale:

a) Gli immunodepressi in Italia sarebbero circa 10mila, almeno secondo quanto ha dichiarato la Associazione Nazionale Presidi.

b) La popolazione italiana è di 60 milioni circa. Gli immunodepressi quindi sono circa lo 0,02 % della popolazione.

c) I vaccini coprono nove malattie, quattro di essi non fermano alcun contagio (polio, difterite, pertosse, parotite), uno è per una malattia nemmeno contagiosa (tetano) e quello del morbillo non ferma il contagio nemmeno dove la copertura è del 100%

d) Gli immunodepressi sono vulnerabili a OGNI infezione, rischiano migliaia di diverse possibili infezioni ogni giorno – migliaia – e noi li difendiamo limitandone quattro?

e) Facciamo due conticini: se invece di vaccinare obbligatoriamente 59milioni e novecentonovantamila persone per proteggerne 10mila, usassimo i soldi sprecati in questa cagata per fornire una reale assistenza giornaliera a queste persone, cercando di migliorarne la vita? Se invece di vaccinare il 99,98% ci occupassimo di aiutare per davvero quello 0,02%?

Però, forse mi sbaglio, forse è molto più soddisfacente chiedermi se sono laureato in Virologia e cercare d’obbligare milioni di persone a vaccinarsi. Una volta sgomberato il campo da questi quattro malanni, gli immunodepressi saranno in una botte di ferro proprio.
Ce lo dice LaScienzah.

Stefano Re
condividi sui social
Tag:   • | |

Vai al Blog  Vai


21 Febbraio 2020
Non state mai giudicando davvero gli altri, state sempre giudicando voi stessi. Quel che vediamo fuori di noi lo stiamo comunque vedendo noi, attraverso non solo i nostri occhi ma soprattutto la nostra mente, i nostri filtri percettivi, le nostre pr...
6 Febbraio 2020

Pensare non significa ripetere un pensiero altrui, aver sentito un pensiero in TV o averlo letto da qualche parte, e farlo proprio. Quello si chiama condividere pensieri, nella migliore delle ipotesi. Noleggiare pensieri, nella peggiore.

30 Gennaio 2020
EuroGendFor, ovvero: l’unica polizia che proprio non ci serve. Mi tocca fare una mini premessa storica. Mi laureai nei tardi anni ’90 con una tesi intitolata: “L’omicidio maniacale seriale: uno studio del fenomeno e un progetto operativo...

» Tutti i post del blog