immunodepressione

Sul misterioso popolo degli immunodepressi

Categoria:  Articolo

24 Agosto 2018

A proposito del misterioso popolo degli immunodepressi, che è apparso sulla scena da qualche mese e appena non sarà più utile verrà cacciato da chi se ne riempie la bocca ogni minuto nello stesso dimenticatoio in cui lo tenevano fino a quando non è tornato utile per giustificare un obbligo vaccinale:

a) Gli immunodepressi in Italia sarebbero circa 10mila, almeno secondo quanto ha dichiarato la Associazione Nazionale Presidi.

b) La popolazione italiana è di 60 milioni circa. Gli immunodepressi quindi sono circa lo 0,02 % della popolazione.

c) I vaccini coprono nove malattie, quattro di essi non fermano alcun contagio (polio, difterite, pertosse, parotite), uno è per una malattia nemmeno contagiosa (tetano) e quello del morbillo non ferma il contagio nemmeno dove la copertura è del 100%

d) Gli immunodepressi sono vulnerabili a OGNI infezione, rischiano migliaia di diverse possibili infezioni ogni giorno – migliaia – e noi li difendiamo limitandone quattro?

e) Facciamo due conticini: se invece di vaccinare obbligatoriamente 59milioni e novecentonovantamila persone per proteggerne 10mila, usassimo i soldi sprecati in questa cagata per fornire una reale assistenza giornaliera a queste persone, cercando di migliorarne la vita? Se invece di vaccinare il 99,98% ci occupassimo di aiutare per davvero quello 0,02%?

Però, forse mi sbaglio, forse è molto più soddisfacente chiedermi se sono laureato in Virologia e cercare d’obbligare milioni di persone a vaccinarsi. Una volta sgomberato il campo da questi quattro malanni, gli immunodepressi saranno in una botte di ferro proprio.
Ce lo dice LaScienzah.

Stefano Re
condividi sui social
Tag:   • | |

Vai al Blog  Vai


28 Febbraio 2021

Ti hanno detto che c’era una brutta malattia in giro. Che era meglio sospendere i diritti costituzionali. Ti hanno detto che sarebbe andato tutto bene. Un piccolo sforzo oggi per tornare alla vita normale domani.

11 Gennaio 2021

Quando sono violati dei diritti fondamentali, la questione non riguarda mai soltanto gli altri: se un diritto scompare, scompare per tutti, non solo per quelli là. Scompare anche per noi.

Qualcuno sta decidendo cosa potete esprimere socialmente. La censura sui social network non viola soltanto diritti garantiti dalla Costituzione, assegna ai privati arbitrio assoluto sui nostri pensieri.


» Tutti i post del blog