eurogendfor

EuroGendFor

Categoria:  Articolo

3 Novembre 2014

EuroGendFor, ovvero: l’unica polizia che proprio non ci serve.

Mi tocca fare una mini premessa storica. Mi laureai nei tardi anni ’90 con una tesi intitolata: “L’omicidio maniacale seriale: uno studio del fenomeno e un progetto operativo per l’Europa”. La tesi trattava ovviamente di quel che dice il titolo, e la sua seconda parte (la proposta di creare un Ufficio di Polizia Europea) mi ha condotto a incontrare e dialogare con alcune persone che, in quegli anni, si occupavano dello scambio di informazioni tra gli apparati di Polizia e Giudiziari (Law Enforcement, per dirla in modo più semplice) dei vari paesi europei.

Quei dialoghi mi fruttarono la piena consapevolezza su due punti:

a) La creazione di simili uffici aveva costi elevati e grandi difficoltà, per via delle notevoli resistenze degli apparati dei singoli stati a trovare formule condivise.

b) Non c’era la minima intenzione a livello politico di muoversi su quel terreno, per il semplice motivo che non se ne vedevano vantaggi in termini di consenso elettorale. La mia idea, che una Europa in cui si stavano abolendo le frontiere avrebbe presentato notevoli problemi nella repressione di alcune attività criminali, veniva considerata assai verosimile, ma poco vantaggiosa. Lasciamo stare quel che è poi venuto fuori in termini di prostituzione, mafie legate all’immigrazione, traffico di organi, traffico di droga e dulcis in fundo omicidi seriali: avevo ragione, ma quello nessuno lo negava anche allora. Semplicemente, finanziare simili strutture non portava consensi elettorali e costava parecchio, per cui nisba. Amen.


Passiamo ora al 2003, anno in cui il Ministro della Difesa francese Alliot-Marie, durante un incontro dei ministri della Difesa della Unione europea a Roma, lancia sul tavolo l’idea di creare non un ufficio, ma proprio un Corpo di Polizia Europeo. Per essere precisi, un Corpo di Polizia Militare, Europeo. L’anno dopo, a settembre, in Olanda cinque rappresentanti di altrettanti stati europei firmano un primo abbozzo di trattato per quella che chiamano “EuroGendFor”, ovvero, Forza di Gendarmeria Europea. Italia, Francia, Olanda, Spagna e Portogallo mettono a disposizione le proprie Polizie Militari per partecipare. Nel gennaio 2006, viene inaugurato il Quartier Generale a Vicenza. Il tutto senza che nessun telegiornale, o giornale, ne dica un bel niente – perlomeno in Italia. Dal 2006 (in realtà dal 2005, il che già suona buffo, operativi già prima di avere un Quartier Generale) in avanti, i prodi membri della Gendarmeria Europea iniziano il loro addestramento intensivo. E di quale addestramento si tratta? Forse studiano come combattere le mafie internazionali, o i trafficanti di droga, o di prostitute, o sia mai come catturare un serial killer che vada a spasso per i diversi paesi dell’Unione Europea? Affatto, la Gendarmeria si addestra ad un compito assai specifico, che è il “controllo della folla”. E si addestrano parecchio, tanto che vengono spediti in paesi del Sudamerica, ad Haiti, in Afghanistan, in Bosnia.

Nel frattempo, nell’ottobre del 2007 viene siglato il Trattato di Velsen, che scende nel dettaglio dell’organizzazione, delle caratteristiche e delle finalità dell’EuroGendFor. Un trattato che, quando mi arriva tra le mani, mi fa fare un salto sulla seggiola.

Leggiamone qualche articolo, qui e là:

Capo 1 “Disposizioni generali “
Articolo 1 “Scopo”
1. Il presente Trattato ha lo scopo di costituire una Forza di Gendarmeria Europea operativa, pre-organizzata, forte e spiegabile in tempi rapidi, composta unicamente da elementi delle forze di polizia a statuto militare delle Parti, al fine di eseguire tutti i compiti di polizia previsti nell’ambito delle operazioni di gestione delle crisi.

Non suona male, no? La domanda che mi sorge spontanea però è questa: perché dei militari? Perché fare un organo di Polizia Europea Militare? Di norma, la Polizia Militare nasce per gestire scenari di guerra. Che poi per ragioni storiche finisca, in alcuni paesi, a gestire anche situazioni di pace, è cosa che avviene, ed è proprio il caso dei Carabinieri italiani, come della Gendarmerie francese, della Guardia Civil spagnola, della Guardia Nacional portoghese, della Marechaussée olandese. Ma a che serve un Corpo di Polizia Militare Europeo, quando l’Europa non ha nemmeno un suo esercito?

Capo II “Missioni, ingaggio e schieramento”
Articolo 4 “Missioni e compiti”
Comma 1. Conformemente al mandato di ciascuna operazione e nel quadro di operazioni condotte autonomamente o congiuntamente ad altre forze, EUROGENDFOR deve essere in grado di coprire l’intera gamma delle missioni di polizia, tramite la sostituzione o il rafforzamento, durante tutte le fasi di un’operazione di gestione della crisi.

(..) Comma 3. EUROGENDFOR potrà essere utilizzata al fine di:
a) condurre missioni di sicurezza e ordine pubblico;
b) monitorare, svolgere consulenza, guidare e supervisionare le forze di polizia locali nello svolgimento delle loro ordinarie mansioni, ivi compresa l’attività d’indagine penale;
c) assolvere a compiti di sorveglianza pubblica, gestione del traffico, controllo delle frontiere e attività generale d’intelligence;
d) svolgere attività investigativa in campo penale, individuare i reati, rintracciare i colpevoli e tradurli davanti alle autorità giudiziarie competenti;
e) proteggere le persone e i beni e mantenere l’ordine in caso di disordini pubblici;
f) formare gli operatori di polizia secondo gli standard internazionali;
g) formare gli istruttori, in particolare attraverso programmi di cooperazione.

Insomma, questi possono non solo fare qualsiasi attività di polizia e ordine pubblico, ma anche sostituire la stessa polizia locale, in caso di “crisi”. Interessante no? E vediamo, *dove* possono fare tutte queste cose?

Articolo 5 “Inquadramento delle missioni”
EUROGENDFOR potrà essere messa a disposizione dell’Unione Europea (UE), delle Nazioni Unite (ONU), dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE), dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) e di altre organizzazioni internazionali o coalizioni specifiche.

Ah. Quindi qualche “organizzazione internazionale” o qualche “coalizione specifica” può chiedere e ottenere che gli venga prestato questo Esercito di Polizia Europea quando è il caso. E chi decide tutte queste cose, di preciso? Insomma, chi ha il controllo dell’EuroGendFor?

Capo III “Aspetti giuridici ed istituzionali”
Articolo 7 “CIMIN”
Il CIMIN è composto dai rappresentanti dei ministeri competenti di ciascuna delle Parti. La scelta dei rappresentanti è di competenza nazionale. I particolari relativi alla composizione, alla struttura, all’organizzazione ed al funzionamento del CIMIN saranno definiti dal regolamento che dovrà essere adottato dallo stesso.

Perfetto. Quindi questo CIMIN è un organo collegiale, in cui siedono dei “rappresentanti” dei Ministeri della Difesa degli Stati Membri. E agisce secondo un regolamento che si scrivono loro.

Veniamo adesso ad un capo bello tosto:

Capo VII “Privilegi e immunità”
Articolo 21 “Inviolabilità dei locali, degli edifici e degli archivi”
1. I locali e gli edifici di EUROGENDFOR saranno inviolabili sul territorio delle Parti.
2. Le autorità delle Parti non potranno entrare nei locali e negli edifici di cui al comma 1 senza il preventivo consenso del Comandante EGF o, ove possibile, del Comandante della Forza EGF. Tale consenso sarà presunto in caso di calamità naturale, incendio o qualsiasi altro evento che richieda l’adozione immediata di misure di tutela. In altri casi, il Comandante EGF o, ove possibile, il Comandante della Forza EGF, esaminerà con attenzione qualsiasi richiesta di autorizzazione inoltrata dalle autorità delle Parti per entrare nei locali e negli edifici, senza pregiudicare gli interessi di EUROGENDFOR.
3. Gli archivi di EUROGENDFOR saranno inviolabili. L’inviolabilità degli archivi si estenderà a tutti gli atti, la corrispondenza, i manoscritti, le fotografie, i film, le registrazioni, i documenti, i dati informatici, i file informatici o qualsiasi altro supporto di memorizzazione dati appartenente o detenuto da EUROGENDFOR, ovunque siano ubicati nel territorio delle Parti.
Articolo 22 “Immunità da provvedimenti esecutivi”
Le proprietà e i capitali di EUROGENDFOR e i beni che sono stati messi a sua disposizione per scopi ufficiali, indipendentemente dalla loro ubicazione e dal loro detentore, saranno immuni da qualsiasi provvedimento esecutivo in vigore nel territorio delle Parti.

Perfetto, quindi i locali EuGdF non potranno in nessun caso venire controllati, revocati, espropriati. Sono, a tutti gli effetti, sedi extragiudiziali, come le ambasciate. Le ambasciate però, che io sappia, non sono installazioni militari.

Articolo 23 “Comunicazioni”
(..)
Comma 2. EUROGENDFOR ha il diritto di ricevere e trasmettere messaggi codificati, come pure di inviare e ricevere corrispondenza e plichi ufficiali tramite corriere o in cassette sigillate, che non potranno essere ne’ aperte ne’ trattenute.
Comma 3. Le comunicazioni indirizzate ad EUROGENDFOR o da questa ricevute non possono essere oggetto di intercettazioni o interferenza.

Quindi, nessuna comunicazione interna all’EuroGendFor può essere registrata o riprodotta in sede giudiziale. Così non sarà MAI possibile appurare eventuali responsabilità.

Articolo 29 “Danno a terzi”
Comma 3. I membri del personale di EUROGENDFOR non potranno subire alcun procedimento relativo all’esecuzione di una sentenza emanata nei loro confronti nello Stato ospitante o nello Stato ricevente per un caso collegato all’adempimento del loro servizio.

Perfetto. Quindi, se nell’adempimento del servizio accoppano qualcuno, non potranno neppure venire accusati. E se accusati, non potranno venire condannati. E se condannati, la sentenza non sarà eseguita. Ma quale polizia, specie quando si occupa di ordine pubblico, di “controllo della folla” gode di immunità giudiziaria, scusate?


In conclusione, in questa Europa in cui nemmeno mettere in piedi un piccolissimo ufficio di consulenza investigativa per i casi di omicidio seriale era considerato una spesa accettabile, viene invece accettato, promosso e realizzato a tempo di record un piano per creare un esercito permanente di polizia militare con l’obiettivo primario dichiarato di occuparsi di Ordine Pubblico? E dove stava l’esigenza, l’urgenza, di questo corpo di polizia militare, di preciso? Dove stanno questi paesi europei cui occorreva, in gran fretta, il supporto di eserciti comunitari nella gestione del loro ordine pubblico?

Io questa esigenza non l’ho vista, *prima* che l’EuroGendFor venisse varato. Dopo, invece, ecco che qualche occasione si è manifestata, in cui poteva ed è stato utile averlo pronto. Ad esempio, un paese in piena rivolta sociale come la Grecia. E chissà mai, magari ce ne saranno presto altri, di paesi europei, in cui servirà una polizia militare *europea* e *non* locale, addestrata al controllo della folla.

Il Trattato di Velsen è stato ratificato dal Senato Italiano tra aprile e il maggio 2010, senza che nessun telegiornale, nessun quotidiano, nessun media nazionale ne facesse menzione o ne fornisse informazione alla popolazione che – senza saperlo – ne paga i costi e ne ospita la sede. Perché, per chi non lo sapesse, la sede ufficiale del Quartier Generale dell’EuGdF è a Vicenza.

Ci sono domande?



Articolo pubblicato nel novembre del 2014 su Facebook:

Publiée par Stefano Re sur Lundi 3 novembre 2014

Stefano Re
condividi sui social

Vai al Blog  Vai


Dove si prende il Coltan che serve al vostro cellulare? In Congo, uccidendo uomini, violentando donne e bambine e schiavizzando bambini per farli lavorare nelle miniere. Da decenni.

24 Giugno 2020

Speciale Re-Solutions: la proposta di di Stefano Re per l’assemblea di R2020. Tavoli di competenza, per ristabilire la verità storica, individuare le responsabilità e ricostruire da cima a fondo il nostro paese.

17 Giugno 2020

Un sogno per chiedermi, nella lotta tra uno squalo e un sommozzatore, chi dei due sia il protagonista, l’eroe, e chi la minaccia. Chi si trova nel proprio ambiente e chi è l’invasore. Ma sopratutto, chi tra i due avrà sempre il potere di decidere tutto ciò.


» Tutti i post del blog