Guerra alla Democrazia

La Guerra alla Democrazia

Categoria:  Articolo

15 Dicembre 2018

Non so voi, quel che vedo io è a tutti gli effetti una guerra senza quartiere alla democrazia. Intendiamoci subito: non che mi piaccia poi così tanto, la democrazia. Di problemi ne evidenzia un numero enorme senza dubbio. Ma c’è di peggio, e quel che sto osservando vira decisamente al peggio, proprio sotto il nostro naso. Ecco come sta avvenendo:

_Sviluppo e applicazione di strategie di CONTROLLO del pensiero di massa.

Network globali della notizia, che danno direttive di scuderia a tutte le loro “filiali”, ovvero le agenzia di stampa; struttura di soppressione della notizia scomoda “a caduta”: dal finanziatore al direttore, dal direttore al giornalista; passaggio culturale del concetto di giornalismo dal cercare la notizia che nessun altro dà al controllare se la notizia la danno anche tutti gli altri; rilanciare ossessivamente il metamessaggio: “conformismo mentale come regola esistenziale”; sottolineare il piacere dell’obbedienza allo schema percettivo: spettacoli, distrazioni, gossip come premio ludico per l’osservanza dell’ortodossia.

_Ampliamento del DIVARIO tra ricchi e poveri.

Politiche monetarie e fiscali che aumentino il divario, si pensi solo ai prestiti bancari disponibili in misura crescente a chi è già ricco, nella misura in cui lo è. Il criterio vale per individui come per le imprese. Riduzione del numero dei soggetti “ricchi”: programmatica scomparsa delle classi medie, aumento esponenziale dell’area di povertà, che si ottiene con il metodo del debito crescente. Da un lato si rendono culturalmente e professionalmente necessari beni di consumo sempre più sofisticati e costosi – cellulari, autovetture, tv al plasma, elettrodomestici – forzando le masse a comperare tutto a credito, forzandoli a vivere sopra il livello consentito dagli introiti reali. Poi con le “crisi congiunturali” si spazza il pavimento, tagliando i redditi e usando la spesa “a debito” per gettare nella povertà assoluta intere classi medie. Come risultato, si ottiene una progressiva e sempre più marcata restrizione globale dell’area di ricchezza.

_Sistematico DEPOTENZIAMENTO dei sistemi parlamentari elettivi.

Guardate la progressione: il primo attacco è stato la corruzione diretta. Si è poi sviluppato nel controllo tramite finanziamenti delle campagne elettorali, accompagnati dall’inserimento di propri uomini di riferimento nelle squadre di governo. Il passaggio successivo è stato l’accreditamento come riferimenti politici preminenti di enti sovranazionali, leggasi agenzie di rating, Fondo Monetario, Banca Mondiale e succursali, la cui preminenza sulla politica è stata data “per scontata”. Infine, siamo all’attacco diretto ai parlamenti: si parla apertamente di meccanismi di restrizione del voto, viene promossa ovunque la squalificazione della politica, si offrono come appetibili modelli di obbedienza “alle élite degli esperti”, la cui decisioni i popoli non devono nemmeno azzardarsi a valutare, perché “incompetenti”. La tecnocrazia diventa una nuova forma di teocrazia.

_la Rete di Salvataggio?

Un elemento che stona in tutto questo? Internet. La rete. I blog, i social. Dove gli “incompetenti” e i non allineati ancora possono esprimere ragionamenti, analisi, interpretazioni “eretiche”; condividere modelli di pensieri diversi dalla scuderia, letture diverse degli eventi e dei loro protagonisti; diffondere quelle notizie e quelle riflessioni ormai selettivamente cancellate dai media mainstream. E ci stanno tentando anche in rete, ovviamente, a mettere il guinzaglio, a stringere il bavaglio.

Avete messo a fuoco la visione di insieme?
Restringere a una élite a livello globale il controllo politico, alimentare, culturale e farmaceutico dell’intera umanità. Ridurre le masse di popolazione a un esercito di “schiavi felici” incatenati tramite il sistema monetario, con l’illusione di essere “informati e consapevoli” tramite programmi di studio, scolastici e divulgativi, che non insegnano MAI a decidere, SOLO ad ubbidire alle decisioni degli “esperti”. Controllo assoluto dei processi di formazione e selezione degli “esperti” in questione. Il tutto accompagnato e supportato dal controllo dei media e sistemi di diffusione dell’informazione.

Diciamolo con chiarezza: quel che si delinea non è affatto NeoLiberismo, è NeoFeudalesimo.

Pubblicato su » DolceVita

Stefano Re
condividi sui social

Vai al Blog  Vai


25 Luglio 2020

Come ci spiega le cose il signor PierLangela, nessuno proprio. Eccovi in esclusione l’intervista al noto svariogolo, il dottor Burletta, che come sempre ciancerà a vanvera SuiVaccini.

Dove si prende il Coltan che serve al vostro cellulare? In Congo, uccidendo uomini, violentando donne e bambine e schiavizzando bambini per farli lavorare nelle miniere. Da decenni.

24 Giugno 2020

Speciale Re-Solutions: la proposta di Stefano Re per l’assemblea di R2020. Tavoli di competenza, per ristabilire la verità storica, individuare le responsabilità e ricostruire da cima a fondo il nostro paese.


» Tutti i post del blog