Isole

Ho vissuto ogni genere di minuto. Minuti che corrono, minuti infiniti: me li sono lasciati dietro. Ho perso il senso del tempo, o forse lui ha perso me. Non so che ore siano, che giorno sia. So che è notte perché fuori dai vetri la nebbia è illuminata dai lampioni, tutto qui. Mi basta. Non mi serve il tempo, può andare dove gli pare. Non ho fretta, non me la prendo comoda – soltanto ne sto fuori. Vi lascio gli orologi, i calendari, le sveglie e le agendine. (…) Mi sveglio ed è notte. Mi alzo dal letto mentre gli altri ci entrano, do’ il cambio al mondo che ho abbandonato e mi immergo nelle mie tenebre. Sapete perché il buio fa paura? Perché non sai mai che cosa può esserci dentro, in agguato. Beh, a me non fa paura: io so che cosa c’è dentro, in agguato. Ci sono io. Vuoi saperne di più? » Estratti da Isole Disponibile in formato E-PUB » Informazioni sul formato...
Questo sito fa uso di cookie di profilazione (Google). Continuando la navigazione accetti i cookie clicca qui per maggiori informazioni